Seleziona una pagina

Lo scenario in cui i musei moderni si trovano ad operare è particolarmente articolato e in continua evoluzione. La complessa normativa di settore, gli indirizzi della comunità scientifica, la sostenibilità economica, unite ai quotidiani obblighi di tutela e conservazione e alla necessità di adeguarsi alle nuove tendenze di valorizzazione, sono solo alcune delle sfide che i musei moderni devono imparare ad affrontare.

È da questa premessa che siamo partiti per elaborare il Piano di indirizzo strategico per i musei civici di Rutigliano, in provincia di Bari, con l’obiettivo di fornire una solida visione allo sviluppo dell’offerta culturale dei tre musei comunali: il Museo archeologico “Di Donna”, il museo a cielo aperto “Galloforie” e il Museo del fischietto in terracotta.

L’obiettivo del documento è quello di orientare lo sviluppo museale di Rutigliano in un quadro solido di programmazione e pianificazione pluriennale. In questo modo si intende tutelare, valorizzare e promuovere l’identità e la bellezza del patrimonio locale attraverso un approccio innovativo e partecipativo che tenga conto sia degli aspetti gestionali e organizzativi che di quelli propriamente culturali.

Il documento affronta dunque il tema cruciale della gestione dei tre musei inquadrandola in una prospettiva ponderata e a medio termine, con particolare riguardo alla qualificazione dell’offerta culturale e alla sostenibilità economica e sociale rispetto al contesto storico e geografico in cui sono collocati.

Il lavoro è partito da un’analisi preliminare che ha inquadrato il contesto socio-economico e lo scenario normativo in cui il Comune di Rutgliano si trova a operare. I tavoli di ascolto degli operatori locali hanno fornito idee e stimoli fondamentali per la buona riuscita del lavoro. Successivamente, si è arrivati all’elaborazione di una strategia d’intervento che ha consentito di definire una precisa visione, sviluppare linee d’intervento dettagliate, identificare obiettivi puntuali e, infine, ipotizzare una serie di azioni correlate.  

Il Piano strategico è stato dunque concepito come una mappa di orientamento per l’amministrazione comunale e una guida operativa per il futuro direttore dei musei (da nominare a breve con un bando di concorso) e i diversi soggetti che nei tre musei si occupano della gestione dei servizi e delle attività di valorizzazione.

È uno strumento pratico che aiuta a prendere decisioni informate su cosa fare e come farlo, per migliorare i musei e renderli più rilevanti e sostenibili per la comunità.

Questi due aspetti sono strettamente connessi e in quanto tali vanno considerati, perché la gestione sostenibile dei musei non può prescindere da una maggiore consapevolezza e partecipazione della filiera culturale di Rutigliano e, di conseguenza, dalla volontà e dalla capacità condivise di organizzare un’offerta più matura, integrata e allargata al resto del territorio.

Scarica l’introduzione al Piano strategico